BARTOLOMEO CRISTOFORI

Il genio innovatore

bartolomeo cristoforiNato a Padova nel 1655, Bartolomeo Cristofori fu uno dei più grandi costruttori di strumenti della storia e l’inventore del pianoforte.
La sua fama giunse fino a Ferdinando de’ Medici, che lo volle con sé alla corte fiorentina. In quel contesto nacque tra il 1698 e il 1700 il primo “Arpicembalo che fa il piano e il forte”. Non si trattò solo di costruire un clavicembalo con i martelli, ma di progettare un’intera nuova meccanica, che potesse rendere l’espressività della voce umana. La geniale intuizione è ancora alla base dei più moderni strumenti e il progresso ha portato l’invenzione del cembalaro padovano a risultati stupefacenti.

Pianoforte a martelli Cristofori New YorkDi Cristofori sono tuttora esistenti diversi strumenti a tastiera, tra cui un pianoforte del 1720 conservato al Metropolitan di New York (in foto), uno del 1722 attualmente al Museo degli strumenti musicali di Roma e uno del 1726 di proprietà del Musikinstrumenten Museum di Lipsia. A testimonianza dell’eclettismo di Cristofori, inoltre, al Museo del Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze è conservato un suo contrabbasso del 1715.